“Leave the gun, take the cannoli”. E la mafia non sparò più

leavetheguntakethecannoliLa mafia non uccide più ma nessuno ne parla né rivendica il merito di tanto risultato. Risale infatti al marzo del 2014 l’ultimo omicidio qualificato come “di stampo mafioso” dagli inquirenti. E dal 2011 a oggi in Sicilia si contano soltanto quattro agguati mortali di mafia.

Certo 671 giorni consecutivi senza piombo sono una serie difficilmente riscontrabile nella storia della criminalità organizzata siciliana, sebbene non sufficienti per chiedere lo smantellamento del costoso carrozzone Antimafia. Ma qualche domanda bisogna pur farsela, perché senza armi non c’è intimidazione e senza intimidazione non c’è omertà. E senza omertà non c’è mafia.

Questi sono infatti i capisaldi della definizione ufficiale di mafia offerta dall’articolo 416-bis del Codice Penale (Associazione a delinquere di stampo mafioso): “L’associazione è di tipo mafioso quando coloro che ne fanno parte si avvalgono della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento che ne deriva”. [Read more…]

IlFattoDelGusto/ TastEtna, un evento per scoprire l’enogastromia del vulcano

IMAG3902Tutti d’accordo. L’Etna non è solo il vulcano più alto d’Europa e un Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Ma uno scrigno di biodiversità. Un ambiente unico al mondo, ricco di microclimi, flora e fauna che oggi, complice il crescente successo internazionale dei vini prodotti alle sue pendici, è divenuto enogastronomia d’eccellenza.

Proprio per celebrare questo rinnovato connubio tra le terre vulcaniche e i suoi abitanti Cronachedigusto.it ha organizzato al Pìcciolo Golf Resort & Spa di Solicchiata, in territorio di Castiglione di Sicilia (CT) la prima edizione di TastEtna, un evento svolto il 28 e 29 marzo e concepito appunto per mettere per la prima volta insieme in circolo virtuoso materie prime, vini e chef dell’area etnea.
[Read more…]

La mafia degli intelligenti

Alla Noce (Ferdinando Scianna)

Quando mi è stata offerta la possibilità di scrivere su IlFattoNisseno, nel gennaio del 2013, mi sono chiesto come mai Leonardo Sciascia che è stato il primo a scrivere di mafia – con Il giorno della civetta – e forse anche l’ultimo, non abbia mai subito un attentato o la benché minima intimidazione. Nel dubbio decisi di far esordire IlFattoGlobale proprio con questo argomento: La mafia desnuda. Ed è con lo stesso dubbio che il 28 novembre 2014 sono stato a Racalmuto in occasione del 25° anniversario della scomparsa di Sciascia celebrato dalla Fondazione che porta il suo nome.

grassoAd aiutarmi a scioglierlo, quel dubbio, è stato anzitutto il Presidente del Senato Pietro Grasso, intervenuto con una Lectio Magistralis dal titolo “L’impegno civile di Sciascia”. Sulla quale non sto certo a fare commenti, proponendo invece il testo integrale e il servizio televisivo realizzato da Agrigento Tv con l’intervista a Grasso. Ma a convincermi infine del tutto è stato il video-messaggio inviato dal maestro Andrea Camilleri. E in particolare l’episodio che lo vide protagonista insieme a Sciascia.

Giunto in contrada Noce, nel buen ritiro di campagna dove Sciascia lo aveva invitato a raggiungerlo, Camilleri non lo trovò. Chi lo accolse gli disse di accomodarsi, che lo avrebbero cercato per telefono per avvertirlo del suo arrivo. Ma Camilleri rifiutò dicendo che sarebbe andato lui stesso a cercarlo in paese. Arrivato a Racalmuto cominciò a chiedere ai paesani se per caso avessero visto Sciascia “il maestro… lo scrittore… Sciascia”. Macché, nessuno lo conosceva. Neanche sentito nominare.

camilleriE così continuando a chiedere nonostante i dinieghi Camilleri arrivò fino in fondo al corso, dove finalmente incontrò Sciascia: “Benvenuto, prendiamoci un caffè”. Camilleri fece per infilarsi nel primo bar a tiro, ma Sciascia lo bloccò: “No non questo, laggiù in fondo”. E prendendolo sottobraccio gli fece rifare a piedi tutto il corso. Improvvisamente tutti conoscevano Sciascia, tutti lo salutavano, notò Camilleri. E senza dire niente al suo ospite pensò: “Allora prima lo proteggevano”.

IlFattoFemminile/ La “Strada degli scrittori” è donna

Lina Riccobene

In auto, viaggiando sotto la pioggia tra buche e fanghiglia, pensavo sarebbe stata un’intervista tra le più difficili e complesse. E invece tutti i timori si sono sciolti in pochi minuti seduto in un elegante salotto affacciato sul castello arabo-normanno di Delia e davanti a un buon caffè. Grazie a Lina Riccobene, donna di molte virtù, interessi e iniziative – un personaggio unico e raro nel panorama della provincia di Caltanissetta – insomma un vulcano. Ma rassicurante, che non travolge, che non distrugge. Anzi, costruisce, coinvolge e diverte. Osservazioni le sue sempre puntuali, circostanziate e illuminanti.

Un mix tanto inestricabile quanto convincente di esperienza da insegnante elementare, di psicologa, di saggezza popolare, di commedia brillante, di poesia e non ultima di mamma e nonna. Un esempio lampante è il suo pensiero sulla questione femminile, quella per cui questa stessa rubrica è nata: «Sì è vero – dice – il ruolo delle donne è cambiato. Ma anche noi sbagliamo. E il primo nemico della donna è la donna stessa. Proprio per questo è necessario che ci assumiamo le nostre responsabilità senza scaricarle sugli uomini. Io ho grande rispetto per l’uomo. La figura maschile è fondamentale per la donna. La quale pur essendo diventata attiva, dinamica, intraprendente e perche no anche dominante ha sempre bisogno di sentirsi rassicurata, protetta ». [Read more…]