Romanzo Carnale/Capitolo I: La morte di Don Worry

Jimmy Quangio

New York Post, luglio 12 2014. Poche righe nella cronaca cittadina. “Il gesto di un folle o un tentato omicidio? Intorno alle 13 di stamane giù a Little Italy, o quel che ne rimane, una persona con il volto travisato è entrata al Joe’s esplodendo alcuni colpi di pistola. Il quel momento all’interno del locale si trovavano il titolare, Joe Muffoletto, che ha riferito di essersi nascosto d’istinto dietro al bancone; Jack McStakes, disoccupato alcolizzato; e Jimmy Quangio, operaio portuale, fuggito attraverso la finestra del bagno. E nei riguardi di quest’ultimo che si orientano i maggiori sospetto del New York Police Department (Neil Vermont).”

Poche ore prima sul Buffalo Reader’s Corner era apparso un annuncio mortuario. Tanto laconico quanto capace di far tremare le ginocchia anche al più ingenuo dei lettori. Figurarsi a politici, giudici e uomini d’affari.

Original Sicily And American Families Mourn DON WORRY. He Passed Away At 90 Early This Morning In Buffalo. “Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus”.
[Read more…]

IlFattoFemminile/ Taranta voglia di libertà

patty1Il ballo come medicina dell’anima. La politica come partecipazione, ascolto e solidarietà. Il lavoro quotidiano come impegno sociale, assistenza e inclusione. Per continuare il suo viaggio alla scoperta delle piccole eccellenze donna IlFattoFemminile ha scelto il sistema di comunicazione più efficace che esista, e in cui le donne sono maestre insuperabili: il passaparola. E così grazie al suggerimento della protagonista della prima intervista, Beatrice Giammusso, siamo arrivati a Patrizia Giugno, nissena, educatrice presso una Casa accoglienza per donne in difficoltà, impegnata in politica con la Lista Intesa Civica e Solidale, quella del sindaco Giovanni Ruvolo, e appassionata insegnante di danze tradizionali nel tempo libero: tarantella, tammurriata, pizzica. Insomma una che non sta mai ferma.

E’ un’intervista inconsueta questa, anche nell’orario – “Eh ma io sono un po’ pazzerella” – che inizia alle otto e mezza di sera in una sala della Fly Dance di Caltanissetta, dove Patrizia dà lezioni di danze tradizionali e finisce intorno a mezzanotte in un bar di periferia davanti a un bicchiere di Coca-Cola e un Gin Tonic”. [Read more…]

IlFattoFemminile/ La Provvidenza è fimmina

DSC_3012Un quartiere che è la storia stessa di Caltanissetta, la Provvidenza. Da salotto buono della città a postribolo fino a rione malfamato e simbolo del degrado e dell’abbandono del centro storico. Solo la caparbietà di donna poteva immaginare di avviare un’attività imprenditoriale in questo luogo. E realizzarla con successo. Inizia così, con Beatrice Giammusso, socio di Italia Nostra, Dama di Malta e titolare del Bed&Breakfast “Antichi Ricordi”, IlFattoFemminile, una rubrica nata con l’intento di scovare e dare visibilità a imprese e iniziative al femminile nel territorio nisseno e in Sicilia. “Non sono nata alla Provvidenza, ma qui ho vissuto per tanti anni. Quando sono andata via da Caltanissetta questo quartiere insieme al corso Umberto era il salotto della città, tornando, dopo 38 anni, ho trovato un degrado allucinante. La caparbietà, la voglia di fare, la voglia di cambiare questa città sono quello che ancora oggi mi fa restare qui. Ho preso un impegno con me stessa. E intendo portarlo a termine”.

Dove è stata in tutti questi anni?
“Ho fatto una vita da zingara…”

Proprio come il vecchio nome della Provvidenza: Zingari…
“No, si sbaglia. E’ solo una questione d’accento. Il vecchio nome è Zingàri non Zingari, perché qui c’erano gli artigiani che lavoravano lo zinco. Sono stata in giro con mio marito, direttore del Banco di Sicilia con compiti ispettivi e sempre in viaggio. Poi quando avevamo raggiunto la serenità, e perchennò l’agiatezza economica, vivevamo in una bella villa in provincia di Catania, un infarto me l’ha portato via a soli 48 anni. E sono passata come si suol dire dalle stelle alle stalle”. [Read more…]