Alla ricerca del tempio perduto

madonnafatimaDio. (E già ho commesso il primo peccato, nominarlo invano). Esiste Dio? E soprattutto, la sua esistenza o meno, la sua ricerca, può essere fatta oggetto di una notizia su un giornale locale e gratuito? (Ed ecco il secondo peccato, trascinarlo per interesse in mezzo a cose risibili, terrene e mercantili). Ma la risposta è affermativa. Non foss’altro che per fare un torto a chi dal mondo vuole estrometterlo. (Terzo peccato allora, anzi un grappoli di peccati). Esistono davvero infatti i nemici di Dio, il demonio?Anche a questo proverò a rispondere, cercando insieme al tempio perduto almeno di non offendere chi ha fede, visto che Lui l’ho già offeso fin dalla prima parola. Ed è appunto per questo che contravvenendo a una regola non scritta del giornalismo parlo in prima persona, per non sottrarmi alla responsabilità di quello che avrò scritto e per aprirmi completamente al rischio dell’errore così come al contatto con l’Altissimo.

Tutti noi umani abbiamo un punto di rottura nella vita, come quello mirabilmente raccontato da Dante Alighieri nella Divina Commedia: “Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura che la diritta via era smarrita”. E tutti in un modo o in un altro, giusto o sbagliato che sia, troviamo o decidiamo di seguire una strada: la fede, l’assistenza psicologica, un guru, un’organizzazione di cui seguire i precetti tipo Scientology, il comune buon senso, il denaro (“In God we trust”, noi crediamo in Dio, c’è scritto sui dollari USA), valori universali tanto laici quanto religiosi, regole ad uso mondo e tanto altro ancora. [Read more…]